Per i vs versamenti bancari il codice IBAN da utilizzare è il seguente :

 

                                  IT57U0335901600100000135798

intestato a:

           Fraternità Regionale dell'Ordine Francescano Secolare del Lazio  presso:        Banca Prossima - Milano

Casa di Accoglienza 

di POFI (FR)

Dalle Fraternità

Segui Francesco
Segui Francesco

" IN ATTESA DELL'HOMO DONANS"               Introduzione alla Dottrina Sociale della Chiesa.

"Nel momento attuale del processo di globalizzazione, la questione centrale che potremmo porci in sintesi è: come possiamo conciliare Mercato e Democrazia? Il futuro dipende dalla presa di coscienza della responsabilità cui siamo chiamati, che, ancor prima di essere sociale ed economica, è di natura antropologica: l’uomo deve essere fondamentalmente homo oeconomicus oppure homo donans, capace di donare il surplus di valori che nessun calcolo matematico potrà mai garantire a tutela della convivenza inclusiva e della fratellanza umana? Ognuno di noi sa che questi citati sono due tra i valori della tradizione democratica occidentale. È altresì chiaro che la conciliazione tra Mercato e Democrazia non potrà prescindere dall’attuazione della dimensione civile, cioè comunitaria e sociale, della prassi economica.

 

 

La Dottrina sociale della Chiesa, da parte sua, offre gli strumenti per la comprensione della realtà umana e sociale. Essa poggia sul primato della persona e della sua dignità, sul perseguimento del bene comune. Su questi due fondamenti poggiano e si spiegano le priorità dell’impegno legislativo dei politici credenti, relative alle esigenze etiche fondamentali e irrinunciabili (aborto, eutanasia, educazione dei figli, diritti dell’embrione, libertà religiosa, economia solidale, pace...).
Nel nostro tempo siamo chiamati ad assumerci una grave responsabilità: pur nel rispetto delle libertà e del diritto alla pluralità di metodi, si dovrà favorire coerentemente quelle soluzioni atte alla salvaguardia delle esigenze fondamentali della persona e del bene comune. Restare coerenti con i propri principi implica una coerenza tra essere e agire, tra coscienza personale e professione di fede. Ciò significa che a Dio e alla legge naturale spetta il primato normativo e vincolante l’agire umano e morale, da cui scaturisce la conoscenza del bene e del male".